Musei Vaticani e Cappella Sistina

La bellezza e gli affreschi che qui contempliamo ci introducono nel mondo dei contenuti della Rivelazione (S.Giovanni Paolo II)

I Musei Vaticani sono considerati tra i più importanti del mondo e la loro visita rappresenta un momento essenziale ed irrinunciabile per chiunque giunga a Roma. Qui i Papi hanno, nel tempo, raccolto e conservato tra i più alti capolavori dell’arte di tutti i tempi e le più preziose testimonianze del passato. Essi per primi misero a disposizione della cultura e del pubblico le raccolte d'arte dei loro palazzi. La Cappella Sistina è "un bene culturale di inestimabile valore, un bene avente carattere universale. Di ciò rendono testimonianza gli innumerevoli pellegrini che, provenendo da ogni nazione del mondo, visitano questo luogo per ammirare l’opera di sommi maestri e riconoscere in questa Cappella una sorta di mirabile sintesi dell’arte pittorica. [...] Cristo dalla Cappella Sistina esprime in se stesso l’intero mistero della visibilità dell’Invisibile. [...] È difficile non riconoscere nel visibile e umanizzato Creatore il Dio rivestito di maestà infinita. Anzi, per quanto l’immagine con i suoi intrinsechi limiti consente, qui si è detto tutto ciò che era dicibile. La maestà del Creatore come quella del giudice parlano della grandezza divina: parola commovente e univoca, come, in altro modo, commovente e univoca è la Pietà nella Basilica Vaticana" (S. Giovanni Paolo II).

Fill 264x264 l raffaellotrasfigurazione
Fill 264x264 5 raffaello sanzio scuola di atene 1509 1511 stanze vaticane
Fill 264x264 laoconte musei vaticani
Fill 264x264 musei vaticani
Cenni Storici

Il primo museo pubblico del mondo nasce per volere di papa Sisto IV (1471-1484) che decide di donare al popolo romano la sua collezione di sculture classiche e apre nel palazzo capitolino il primo museo del mondo. Egli stesso, attuando un progetto di Niccolò V (1447-1455), fonda la Biblioteca Apostolica Vaticana - seconda libreria pubblica d’Europa dopo quella di S. Marco a Firenze. Suo nipote Giulio II (1503-1513) ne segue l’esempio donando alla Santa Sede i marmi antichi di sua proprietà che vennero esposti nel giardino delle statue - oggi giardino ottagono, nucleo dei futuri musei e gallerie pontificie. Nel corso degli anni, queste raccolte si amplieranno grazie al rinnovato interesse per la civiltà greco-romana nel Rinascimento. Le collezioni presenti si arricchiranno sempre di più grazie a un nuovo umanesimo cristiano esaltato da Raffaello negli affreschi della Stanza della Segnatura - studio di Giulio II. I Musei rimasero in questo stato embrionale fino al secolo XVIII, quando dalle pagine del Winckelmann e dell’Abate Lanzi nacquero l’archeologia e la storia dell’ arte (il primo fu soprintendente alle Antichità di Roma, il secondo scrisse la Storia Pittorica d’Italia tra il 1795 e il 1796). In quegli anni, in Vaticano nasceva il museo Pio Clementino, prima per volere di Clemente XIV, poi di Pio VI . Da quel momento sempre nuove collezioni si sono aggiunte andando a coprire un arco temporale vastissimo della storia e dell’arte dall’antico Egitto fino ai giorni nostri.

Le nostre proposte

Vi porteremo a visitare i Musei Vaticani e la Cappella Sistina con ingresso prioritariocon una guida specializzata.

Visitatori diversamente abili

  • Quasi tutti i settori dei Musei Vaticani sono accessibili ai visitatori diversamente abili.

In caso di necessità, delle sedie a rotelle sono disponibili gratuitamente su prenotazione anticipata (accoglienza.musei@scv.va) o su richiesta allo sportello "Permessi Speciali" nell'atrio d'ingresso (occorre presentare un documento d’identità valido).

  • È previsto l'ingresso gratuito, senza fila d'attesa, per tutti i visitatori diversamente abili muniti di certificazione attestante un'invalidità superiore al 74%.

La gratuità è estendibile anche all'accompagnatore in caso di non autosufficienza del diversamente abile.

  • I biglietti gratuiti per i visitatori diversamente abili ed i loro accompagnatori non sono prenotabili online ma vengono rilasciati, previa apposita documentazione, direttamente agli sportelli "Permessi Speciali" e/o "Reception" situati nella hall di ingresso dei Musei Vaticani.

Per i costi e le modalità di prenotazione visita il sito www.omniavaticanrome.it

Ufficio di San Pietro
Palazzo dei Propilei

Piazza Pio XII, 9 (Piazza San Pietro) - 00193 Roma

Orari di Apertura

Dal Lunedì al Sabato dalle 9.30 alle 16.30

Domenica CHIUSO

 
Chiama un nostro operatore

+39 06 69896.1

Dal lunedì al venerdì

9.00-13.00 - 14.00-17.30

Visite correlate